Prevenzione

Home/LA SPINA BIFIDA/Prevenzione
Prevenzione 2017-10-10T10:33:14+00:00

Hai deciso di avere un bambino? sette cose da ricordare...

prima e durante la gravidanza, può essere responsabile dell’insorgenza, nel feto, della “spina bifida”

e lo è particolarmente se fuma o se si sottopone a diete alimentari, perché in questi casi la carenza di folati può essere maggiore.

sono la familiarità con questa patologia e la presenza di malattie come il diabete, l’epilessia, la celiachia e l’iperomocisteinemia.

si assumono in media 120 microgrammi di acido folico al giorno quantità che andrebbe incrementata nei tre mesi precedenti il concepimento e nei primi tre mesi di gravidanza.

che, secondo numerosissimi ed autorevoli studi, protegge il feto dal rischio della spina bifida. Basta prendere ogni giorni, nei tre mesi precedenti il concepimento e nei primi tre mesi di gravidanza, una pastiglia di folati.

non produce effetti collaterali nè vi sono controindicazioni.

ricordati dei folati e parlane con il tuo medico.

C'è un buon motivo per nascere sotto i cavoli: i follati, amici che non devono mai mancare

  • I folati (chiamati anche acido folico) sono una vitamina idrosolubile del gruppo B, presente nelle verdure a foglia larga everde, nei legumi, nelle arance e nel latte, moltoimportante per losviluppo delle cellule.
  • Una carenza di folati durante le prime 10 settimane di gestazione può provocare la mancata chiusura del tubo neurale (colonna vertebrale) con gravi danni al midolla spinale e ai nervi delnascituro e, talune volte, idrocefalia.
  • Questa grave malformazione, detta spina bifida, determina una paralisi degli arti inferiori,gravità variabile a seconda di dove si è verificato il difetto di chiusura. A questa si possono associare alterazioni nel funzionamento della vescica e del retto.
  • La spina bifida non è, per fortuna, una malattia molto frequente, ma sono comunque circa 200, in Italia, i bambini che ogni anno nascono affetti da questa invalidante malformazione.
  • Per raggiungere il fabbisogno di folati necessario a prevenire l’insorgenza della spina bifida è sufficiente integrare la normale alimentazione con una dose suppletiva di questa vitamina, attraverso la semplice assunzione di una pastiglia al giorno.
  • Le maggiori organizzazioni sanitarie raccomandano una supplementazione di 0,4 – 0,8 mg al giorno di folati per le donne in età fertile o che stanno programmando una gravidanza e un dosaggio più alto (4-8 mg al giorno) per le donne che hanno avuto già un figlio nato con questa malformazioneo, comunque, a rischio aumentato. Recenti studi suggeriscono che per una maggiore efficacia nella prevenzione della spina bifida tutte le donne, non solo quelle a rischio, devono assumere il dosaggio più elevato.
  • La supplementazione di folati deve iniziare nei tre mesi precedenti il concepimento e deve proseguire nei primi tre mesi di gravidanza.
  • Il tuo medico, il tuo ginecologo, il tuo pediatra sono certamente al corrente dell’importanza di non avere carenza di folati in gravidanza e di come sia facile proteggersi da questo rischio e proteggere il proprio bambino. Sapranno darti tette le indicazioni necessarie.

COME
SOSTENERCI

Aiutaci a garantire un’assistenza qualificata e continuativa ai bambini affetti da Spina Bifida e alle loro famiglie. Con noi al loro fianco per tutta la fase di crescita.